Spaghetti alla siciliana

This entry is part 7 of 7 in the series La Formula del Benessere

Indicazioni:

  • Ipotiroidismo
  • Iperinsulinemia
  • Influenza
  • Raffreddore
  • Tonsillite
  • Piatto indicato in dieta dimagrante

Controindicazioni :

  • Ipertiroidismo
  • Intolleranza specifica ad uno degli ingredienti

Ingredienti (per persona) :
• 80/100 g di Spaghetti
• 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
• 1 spicchio d’aglio
• 2 cucchiaini di pinoli
• 1 cucchiaino di capperi
• 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
• 2 cucchiai di mollica di pane
• sale marino

Procedimento :

  • In un padellino tostare la mollica di pane fino a renderla croccante facendo attenzione a non bruciarla per evitare che si sviluppino sostanze nocive.
  • In una padella svasata versare l’olio EVO, aggiungere lo spicchio d’aglio spellato, schiacciato e diviso a metà, rosolare lentamente a fiamma dolce finché non raggiunga una lieve doratura ( questa procedura permette all’aglio di rilasciare tutti i suoi terapeutici olii essenziali), aggiungere i capperi ed i pinoli, continuare la cottura per un paio di minuti mescolando continuamente.
  • Aggiungere gli spaghetti cotti in abbondante acqua salata e scolati al dente (la cottura al dente assicura un lento rilascio dei glucidi), lasciare insaporire per un minuto.
  • Impiattare e cospargere con il prezzemolo tritato fresco e la mollica di pane tostata.

Polpette di verdure: piatto unico per bambini e anziani gluten free…ma anche in dieta dimagrante !

This entry is part 6 of 7 in the series La Formula del Benessere

INDICAZIONI: alimentazione infantile e geriatrica, disfagia, iponutrizione, rallentamento metabolico e dieta dimagrante (se associata in un pasto funzionale)

INGREDIENTI:

per la nostra preparazione abbiamo utilizzato

  • 1 melanzana media scura, ma si possono utilizzare tutte le verdure
  • 1 uovo
  • 2 cucchiaio di parmigiano reggiano
  • 1 uovo
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • una punta di aglio
  • 1 patata piccola
  • sale
  • olio extravergine di oliva

PROCEDIMENTO

  • lavare e tagliate a tocchetti di 2 cm x 2 cm circa la verdura scelta e la patata e cuocere al vapore. Schiacciarle e porre in un contenitore a raffreddare.
  • unire un uovo, il parmigiano, il prezzemolo tritato, sale marino, una punta di aglio (facoltativo)
  • formare delle polpette discoidali del diametro di circa 4 cm e dello spessore di 1,5 cm
  • scaldare l’olio extravergine in un padellino e friggerle finché siano dorate

. ASSOCIAZIONI e INDICAZIONI

  • queste polpette contengono i carboidrati delle patate, naturalmente prive di glutine, proteine digeribili dell’uovo e del parmigiano che non affaticano la funzione renale, la vitamina C del prezzemolo, gli olii essenziali dell’aglio antivirali, antibatterici e sedativi e lo stimolo metabolico della frittura in olio extravergine.
  • in associazione con una macedonia di frutta soddisfano il fabbisogno nutrizionale di un bambino o di un soggetto anziano inappetente o con difficoltà alla deglutizione
  • è possibile inserirle in una sequenza funzionale in dieta dimagrante completando il pasto con una verdura diuretica come un finocchio oppure di 8 ravanelli in pinzimonio e 150g di fragole al naturale lavate nel vino rosso e risciacquate con acqua corrente (questo procedimento aiuta l’eliminazione delle cere e dei residui presenti all’esterno, avendo cura di rimuovere il picciolo dopo questa operazione).

MELA CARAMELLATA

This entry is part 5 of 7 in the series La Formula del Benessere

Un rimedio alleato del nostro sistema immunitario che riscalda, favorisce il sonno e l’eliminazione notturna di tossine, facilita la funzione renale, per un riposo disintossicante, ristoratore e un risveglio tonico

INDICAZIONI TERAPEUTICHE: antibiotico, antivirale, insonnia, tracheite, intossicazioni alimentari, calcolosi renale

CONTROINDICAZIONI: diabete scompensato, intolleranza ad uno o più ingredienti

INGREDIENTI:

  • 1 mela a spicchi, ben lavata, con la buccia
  • circa 5m di scorza di limone biologico ben lavato
  • 1 chiodo di garofano
  • 1 cm di stecca di cannella
  • 1 cucchiaino di zucchero possibilmente grezzo
  • 1 tazzina di vino rosso di buona qualità

PROCEDIMENTO:

  • inserire in un tegame di piccole dimensioni tutti gli ingredienti e cuocere a fiamma bassa finché il vino non sia evaporato completamente
  • da consumare calda o tiepida a conclusione del pasto serale

A cura della Dott.ssa Manuela Fruscio

Fotografia: per gentile concessione di Lilli Mondello

Piatto unico antiossidante, dimagrante e antitumorale

This entry is part 4 of 7 in the series La Formula del Benessere

PROPRIETA’: Questa preparazione può essere un piatto unico. La scelta di una carne bianca, a ridotto contenuto di scorie azotate, non affatica la funzione renale. La modalità di cottura stimola delicatamente la funzione epatica. Il contenuto di vitamina C assicurato dalla presenza del limone e del prezzemolo, di vitamina E dell’olio extravergine e di antociani del cavolo cappuccio viola forniscono un pool di antiossidanti preziosi. Inoltre la contemporanea presenza di ferro (prezzemolo e tacchino) e vitamina C, può essere utile nel trattamento dell’anemia sideropenica.

INGREDIENTI (per persona):

  • 150g di petto di tacchino tagliato sottile, poca farina, 1 spicchio di aglio, 2 fette di limone + mezzo limone spremuto, sale marino, olio extravergine di oliva
  • 1/4 di cavolo cappuccio viola, 1 spicchio di aglio, olio extravergine di oliva, sale marino (preferire, se possibile, la variante viola del cavolo cappuccio. In questo modo aggiungerete alle comprovate proprietà antitumorali delle crucifere anche l’effetto antiossidante degli antociani che sono i responsabili della colorazione viola – blu)
  • Prezzemolo crudo tritato a lama di coltello di ceramica oppure sminuzzato con le mani (la lama di metallo provoca ossidazione e determina il decadimento della vitamina C contenuta nel prezzemolo)

PROCEDIMENTO:

  • Preparare una padella con soffritto di aglio e olio e saltare per 2-3 minuti 150g di cavolo cappuccio crudo tagliato julienne. Aggiungere sale marino e saltare un altro minuto. Tenere in caldo
  • Scaldare l’olio in una padella larga e soffriggere uno spicchio di aglio sbucciato e tagliato a metà, senza farlo colorire troppo per non renderlo difficile da digerire
  • Nel frattempo passare carne nella farina (potete utilizzare farina di grano, grano saraceno, farina di riso o mais oppure di mais) ed eliminare l’eccesso
  • Porre la carne nell’olio bollente. Quando sarà cotta da entrambe le parti spremere il succo di mezzo limone e aggiungere sale marino, prolungare la cottura finché il succo di limone non sia evaporato.
  • Spegnere il fuoco e adagiare 2 fettine di limone biologico ben lavato sulla carne, coprire con un coperchio.
  • Nel frattempo porre il cavolo cappuccio nel piatto lasciando lo spazio nel centro e riempirlo con il tacchino e aggiungere il prezzemolo

COME COMPLETARE IL PASTO…

E’ consigliabile aggiungere a questo piatto una verdura da pinzimonio come sedano, carote, finocchi, ravanelli, per intensificare l’azione diuretica del pasto oppure un frutto che contenga ancora vitamina C, ad esempio 150g di fragole o 2 kiwi oppure 1 arancia o una spremuta di pompelmo.

A cura della Dott.ssa Manuela Fruscio

Fotografia: per gentile concessione di Lilli Mondello

MINESTRINA D’AGLIO

This entry is part 3 of 7 in the series La Formula del Benessere

INDICAZIONI: febbre, influenza, tonsillite, insonnia
CONTROINDICAZIONI: intolleranza specifica ad uno degli ingredienti
INGREDIENTI (per persona): 2 spicchi di aglio, olio evo 2 cucchiai, prezzemolo 1 ciuffo, sale marino, pasta in formato piccolo

PROCEDIMENTO: dopo aver sbucciato e schiacciato l’aglio si pone in tegame in olio extravergine freddo a fiamma bassissima. La lunga esposizione in olio permette il rilascio delle proprietà farmacologiche degli olii essenziali contenuti nell’aglio. Quando il colore degli spicchi sarà leggermente dorato aggiungere acqua fredda (Nb. attenzione alle ustioni). Lo shock termico fisserà nelle goccioline di olio gli olii essenziali. Una volta raggiunto il bollore aggiungere sale marino e la minestrina e attendere la cottura. Versare nel piatto e aggiungere un filo di olio evo crudo, il ciuffo di prezzemolo sminuzzato a mano.
VARIANTE: per aumentare l’apporto di vitamina C già presente nel prezzemolo fresco, si può aggiungere peperoncino fresco, ove non vi siano controindicazioni specifiche (ipertensione non compensata, irritazione vescicale o prostatica o congestione/infiammazione emorroidaria).

Patate al prezzemolo

This entry is part 2 of 7 in the series La Formula del Benessere

 

INDICAZIONI: febbre, influenza, nervosismo, insonnia

CONTROINDICAZIONI: diabete, gravidanza per la presenza di prezzemolo, rallentamento metabolico se non personalmente associato dal terapeuta

INGREDIENTI (dosi per 1 persona):

  • 2 patate di media dimensione
  • 2 spicchi di aglio
  • olio evo
  • 1 ciuffo di prezzemolo (equivalente di una tazzina da caffè)

PROCEDIMENTO:

Soffriggere a lungo in tegame 2 spicchi di aglio schiacciati, a fiamma bassissima. La cottura prolungata in olio caldo permette all’aglio di rilasciare completamente le proprietà farmacologiche veicolate dagli olii essenziali contenuti

aggiungere quindi 2 patate a tocchetti di uguale dimensione e coprire con acqua fredda, aggiungere 1 tazzina da caffè di prezzemolo tritato e lasciar cuocere con coperchio. Aggiungere sale marino a circa un minuto dal termine della cottura e olio evo crudo sul piatto

VARIANTE: aggiungere peperoncino per potenziare effetto antiossidante della vitamina C (la vitamina C presente nel prezzemolo è disattivata dalla cottura) ove non vi siano controindicazioni (ipertensione, disturbi vescicali, infiammazione emorroidaria…)

#iorestoacasa – UNA GIORNATA DI ALIMENTAZIONE

This entry is part 1 of 7 in the series La Formula del Benessere

Equilibrio è una perpetua oscillazione attorno ad un fulcro. Quando un’onda abbastanza forte rompe l’equilibrio possono accadere due cose: riuscire a ritrovare una oscillazione che gradualmente diminuisca di ampiezza e frequenza, oppure cadere.

Possiamo non cadere?

L’organismo umano è dotato di una capacità di adattamento intrinseca che diminuisce con l’età (e si riflette nell’aterosclerosi, nella rigidità articolare, nella rigidità dei pensieri e delle posizioni…)

Questa capacità è alla base dell’evoluzione e della selezione naturale

Allora, in un momento in cui, nostro malgrado, siamo obbligati a cercare l’equilibrio nel tentativo di non cadere, vediamo cosa possiamo fare.

Qualche consiglio, alla ricerca dell’equilibrio

In casa, chi ha la fortuna di avere un giardino o un terrazzo dove arrivi il sole, si esponga ogni giorno, sono sufficienti 15 minuti al giorno

In casa, su qualunque canale internet, troverete dei percorsi guidati di 10 minuti di stretching (attenzione alla rigidità).

Vitamina C …sfatiamo i falsi miti. Inutile la corsa all’acquisto di integratori ad alte dosi. È sufficiente la spremuta di un limone al giorno, oppure 1 kiwi, o un pompelmo o una coppetta di frutti di bosco oppure una preparazione al pasto che contenga ad esempio un po’ di prezzemolo fresco oppure di peperoncino

L’aggiunta di semi nelle insalate è un must dell’alimentazione naturale degli ultimi anni, ma non tutti i semi sono uguali. Allora in questo periodo, se possibile scegliamo: 1 cucchiaio di semi di zucca al giorno, nell’insalata, nello yogurt oppure da sgranocchiare a merenda con un frutto. I semi di zucca contengono zinco.

Noi mangiamo 3 -5 volte al giorno, tutti i giorni. E’ una enorme possibilità di benessere.

Un esempio di una giornata di Bionutrizione, per mostrare in pratica che non servono integratori ad alte dosi, riservate alla esclusiva prescrizione medica, ma una serie di accorgimenti che, nel loro insieme, ci mantengono in equilibrio e ci potenziano.

COLAZIONE

1 yogurt intero naturale (i lattobacilli contribuiscono a mantenere la flora batterica intestinale) o kefir con 1 cucchiaio di semi di zucca e un frutto: 1 arancia oppure 1 pompelmo o 1 kiwi oppure una coppetta di fragole o frutti di bosco, secondo le disponibilità

Per gli intolleranti al lattosio:

The verde al limone con 1 cucchiaino di miele o zucchero grezzo (evitare qualunque tipo di dolcificante, anche se naturale), 1 frutto fra quelli proposti, 1 fetta di pane tostato con sale e olio extravergine oppure con paté di olive fatto in casa

SPUNTINO

1 arancia condita con sale olio e olive nere e 10 mandorle

PRANZO

Frittata al prezzemolo (2 uova, 1 ciuffo abbondante di prezzemolo, 1 cucchiaio di parmigiano, una spolverata di curcuma, pochissimo pepe nero), 1 finocchio condito con semi di finocchio olive e scorza di arancia (biologica, ben lavata), 1 fetta di bruschetta all’aglio

MERENDA

1 mela cruda con la buccia a cubetti con una spolverata di cannella e gocce di limone e 2 -3 gherigli di noce

CENA

Patate al prezzemolo, un radicchio o 2 belghe al forno, 150g fragole o 1 kiwi o 1 coppetta di frutti di bosco

A drop in the Ocean

Acqua microfiltrata

Se proprio volessimo cominciare da qualche parte, avremmo l’imbarazzo della scelta: gli oceani si stanno riempiendo di isole giganti di plastica (ad esempio la Pacific Trash Vortex è più estesa degli Stati Uniti), le foreste stanno sparendo, le emissioni di CO2 inquinano a dismisura, forse non ci sarà più nulla da mangiare, il disgelo e il riscaldamento globale … Per fortuna non si sente più parlare così spesso di buco nell’ozono. Almeno una voce dell’elenco l’abbiamo cancellata. In realtà c’e’ qualcuno che sta pensando davvero a cosa fare per depennare le altre voci dall’elenco. In particolare, qualche anno fa un ragazzetto di 19 anni fonda una piccola società e la finanzia con il crowdfunding ( www.theoceancleanup.com ). Oltretutto, l’iniziativa quest’anno è partita per davvero con due sistemi 001 e 001/B e, dopo la sperimentazione, dal 2020 comincerà a ripulire completamente l’Oceano Pacifico dalla plastica, per poi spostarsi negli altri Oceani.
Va bene, e noi che possiamo fare per dare una mano? Beh, innanzitutto, nel nostro piccolo, potremmo aiutare, ad esempio, cominciando a “produrre” meno plastica.
L’idea ci è venuta dopo l’ennesima sfacchinata per trasportare le solite due casse d’acqua dal supermercato a casa e, soprattutto, dopo aver notato che d’estate il bidone della raccolta differenziata della plastica si riempiva in pochissimo tempo.
Allora abbiamo deciso di provare una macchina purificatrice dell’acqua (da non confondere con il gasatore). In realtà esistono anche delle caraffe con i filtri all’interno e il gusto dell’acqua filtrata è decisamente piacevole in entrambi i casi.
C’è da dire che dopo circa due anni la macchina ha avuto dei problemi e abbiamo dovuto cambiarla, ma, considerando che il ROI è dopo meno di 8 mesi, non abbiamo avuto alcun dubbio: il risparmio medio è di circa 20-30 euro al mese, 1400 Euro finora.
L’impatto di questa iniziativa ha avuto diversi risvolti: dal risparmio di centinaia di chili di CO2 per la plastica che non è stata re-immessa nel ciclo (per una famiglia di 4 persone solo per la produzione delle bottiglie si stima un risparmio di 146 Kg di CO2 all’anno, circa 580 Kg finora), al tempo, la fatica e i costi e consumi per il trasporto. Tuttavia, non è in atto la solita demonizzazione o boicottaggio dell’acqua in bottiglia di plastica, tant’è che d’estate è tuttora impossibile rinunciarvi a meno di non utilizzare i thermos supermoderni che conservano il fresco realmente fino a 24 ore.
Inoltre se proprio volessimo, non a torto, continuare ad acquistare acqua di fonte pregiata sia per il gusto sia per sostenere l’economia, ci sarebbe sempre l’opzione “consegna a domicilio con vuoto a rendere” oppure “andare in fonte con le casse di bottiglie vuote di vetro”. Come quando eravamo bambini …

G. Fruscio

Vellutata di Sedano

INGREDIENTI PER 1 PERSONA (PIATTO UNICO)
1 SEDANO GRANDE
1 CIPOLLA GRANDE
1 PATATA DI DIMENSIONI MEDIE 50G SPECK

PROCEDIMENTO
Tagliare la cipolla a fette sottili e soffriggere in olio evo in un tegame, a fiamma dolce (non deve cambiare colore). Aggiungere la patata a cubetti piccoli e mescolare per un paio di minuti. Per ultimo aggiungere il sedano tagliato a listarelle sottili e lasciar insaporire per altri 2 minuti.

Aggiungere poca acqua e coprire. Stufare a fiamma bassa.
A fine cotture aggiungere il sale e frullare con frullatore ad immersione.
Servire calda o tiepida con aggiunta di olio evo a crudo e con 50g di speck croccante cotto in padella in pietra o al grill senza olio oppure con una spolverata di parmigiano reggiano a seconda delle indicazioni.

A cura della Dott.ssa Manuela Fruscio

Dieta di Fine Estate

È proprio vero che durante l’estate l’appetito diminuisce e che alla fine della bella stagione si è raggiunta una forma invidiabile?
In estate le occasioni per assumere pasti di fortuna oppure per un aperitivo in più sono maggiori.
Il risultato è il rientro alla routine con qualche chilo di troppo e con molti liquidi in più.
Come possiamo rimediare velocemente per ripartire con maggiore sprint?
Una settimana di Bionutrizione controllata eventualmente associata ad un integratore che faciliti l’eliminazione di liquidi in eccesso può darci una mano.

E’ consigliato l’abbinamento con l’integratore alimentare EuDrena.

Nota: la dieta non deve essere ripetuta nelle settimane successive alla prima.

A cura della Dott.ssa Manuela Fruscio